Panoramica sulla scansione 3D intraorale: l’esempio di Aoralscan

La tecnologia di digitalizzazione 3D, comunemente nota come  scansione intraorale o anche IOS, è un approccio all’avanguardia e non invasivo per prelevare le impronte dei pazienti. L’utilizzo della digitalizzazione 3D si traduce in un’accurata mappatura della cavità orale e in una più rapida realizzazione di protesi dentali.

IMG_0381

Panoramica sullo strumento

In linea generale, le parti principali di uno scanner 3D sono tre: il manipolo per la scansione intraorale (IOS) che si basa su tecnologie ottiche senza contatto, la CPU per l’elaborazione e la memorizzazione del segnale, il display per monitorare il processo e visualizzare le immagini 3D.

L’impronta digitale è una tecnologia affermata nel settore dentale perché in un unico file è possibile digitalizzare l’intera bocca del paziente in formato digitale, pronta per essere utilizzata nella progettazione o la produzione di una protesi dentale su misura.

Lo scanner intraorale 3D consente al dentista di lavorare in modo naturale e fluido acquisendo da più angolazioni dati tridimensionali continui sia dei denti che dei tessuti molli. L’elaborazione dei dati per creare le immagini tridimensionali, avviene in tempo reale e questo permette all’odontoiatra di discutere con il paziente subito dopo la scansione sulle opzioni di trattamento, riducendo il numero di visite sucessive ed il tempo complessivo in poltrona.

Aoralscan, il meglio per l’odontoiatria digitale

Aoralscan di Shining 3D dà grande impulso all’odontoiatria digitale perchè offre un’esperienza di scansione ottimale sia per i pazienti che per gli utilizzatori, siano essi odontoiatri o tecnici di laboratorio.

Questo strumento è stato progettato per facilitare il processo della scansione intraorale, permettendo di ottenere impronte digitali di alta qualità in modo più semplice. Aoralscan è la scelta ideale per un’ampia gamma di applicazioni odontoiatriche come ad esempio l’implantologia e l’ortodonzia.

Gli scanner 3D trasformano la parte scansionata in dati virtuali sotto forma di file e come tutti i file potrà essere modificato, archiviato, inviato ad altri dispositivi e anche stampato tramite stampante 3D . Alcuni scanner sono in grado di prelevare anche la forma ed il colore dell’elemento scansionato o di ottenerli tramite rielaborazione dei dati ottenuti. Aoralscan di  Shining 3D  produce formati di file open source universali, di tipo STL , OBJ e PTY, che possono essere utilizzati da tutti i software in commercio senza vincolo.

Come lavora Aoralscan

AoralScan lavora con tecnologia di triangolazione ottica senza bisogno di utilizzare materiali d’impronta all’interno della bocca: una fonte luminosa,  proietta una luce strutturata continua sulla superficie dell’elemento da scansionare e delle microcamere ne misurano la deformazione; ripetendo il procedimento si può ottenere una mappatura che rappresenta in modo super-affidabile la bocca del paziente.

Il software Shining 3D integrato in Aoralscan dota il dispositivo di una speciale intelligenza artificiale ( AI ) e permette di realizzare un’ottimizzazione automatizzata dei dati risolvendo il problema dovuto al movimento, tipico dell’interno della bocca. Grazie all’AI, questo scanner è in grado di identificare in modo automatico le parti della bocca che sono di interesse per l’odontoiatra e di scartare quelle che non servono. Il software permette anche di riscansionare le aree di cui mancano dati e di riallineare le informazioni senza problemi.

La scansione avviene in tempo reale e restituisce immagini di alta qualità di aree specifiche all’interno della bocca, dove forme, colori e contorni risultano fedeli all’elemento originale. A completare le funzionalità di Aoralscan, un ricco set di strumenti clinici e una piattaforma cloud dentale che permette una comunicazione più efficiente tra dentista e paziente.

FeniQX offre supporto e assistenza ai propri clienti e a tutti i professionisti del settore dentale su Aoralscan e le sue applicazioni.