Ecco quando investire in una stazione di lavaggio professionale per la stampa 3D

Il lavaggio è il primo passo per  processo di post-curing delle tue stampe 3D e prevede la rimozione dello strato di dispersione della resina che rimane dopo il processo di stampa.

Fondamentale per ottenere un prodotto accurato e completamente finalizzato, il lavaggio è un prerequisito necessario per la fase di post polimerizzazione in cui il particolare stampato viene completamente “curato”.

Ci sarà sempre una certa quantità di resina legata dalla tensione superficiale negli angoli e nelle fessure dei tuoi pezzi stampati e la rimozione di questo residuo è fondamentale per garantire che il prodotto finale sia adatto allo scopo.

La resina residua può causare una serie di problemi in vari punti del flusso di lavoro e, di conseguenza, influire sull’efficacia e sulla precisione del prodotto finale.

La resina residua può distorcere la forma finale del prodotto stampato, indurire in modo non uniforme sulla sua superficie o rimanere appiccicosa e attirare polvere, sporco e impurità.

Pertanto, se le parti stampate sono destinate a scopi clinici, è fondamentale una procedura di lavaggio precisa.

Nella figura seguente SprintRay schematizza l’efficienza dei metodi di lavaggio adottabili, oltre che il grado di difficoltà.

img2

Tecniche di lavaggio fai da te

Il lavaggio dei pezzi stampati, sebbene semplice, può essere un processo noioso e dispendioso in termini di tempo.

Per la fase di lavaggio vengono utilizzati vari metodi fai da te, che comportano la pulizia manuale delle parti stampate in 3D o l’uso di macchine di pulizia a ultrasuoni.

La pulizia manuale delle parti consiste nell’immergere il prodotto finito in un contenitore di soluzione detergente, con l’IPA ( alcool isopropilico ) come scelta prioritaria.

L’IPA rimuove ogni residuo, lasciando una superficie liscia e pulita.

Con la pulizia manuale, molti dentisti ricorrono all’utilizzo di contenitori che hanno a portata di mano e si mettono persino a scuotere la stampa all’interno del contenitore per aumentare l’effetto pulente dell’IPA.

Spesso, tecniche di lavaggio improvvisate possono causare ostacoli inutili e persino compromettere il successo del prodotto finale.

Pulizia ad ultrasuoni

La pulizia ad ultrasuoni è un processo che utilizza bolle di cavitazione indotte per agitare la soluzione detergente; nel processo si rimuovono eventuali impurità e contaminanti che si attaccano alle superfici.

In altre parole, un bagno ad ultrasuoni “pulisce” una stampa. Si tratta di una soluzione migliore rispetto alla pulizia manuale.

Sebbene sia il lavaggio manuale che la pulizia a ultrasuoni delle parti stampate siano oggi diffusi, riteniamo che in termini di tempo, accuratezza e coerenza non siano adatti per il settore dentale.

Ecco alcuni svantaggi e complicazioni più frequenti del lavaggio fai-da-te.

1.Tempo

Il processo di post-curing fai-da-te è sia dispendioso in termini di tempo che di manodopera e, quindi, può rappresentare un onere significativo quando sono richiesti fatturati più elevati.

L’ostacolo più grande con il post-curing fai-da-te è che il processo richiede cure e attenzioni attive. Il processo richiederebbe l’intervento umano in ogni fase, dall’immersione e agitazione simultanea delle parti in IPA all’impostazione di un timer per ogni passaggio.

Affinché il lavaggio sia efficace, è fondamentale che l’IPA copra tutte le superfici della stampa per un periodo di tempo adeguato.

Se lasci una parte in IPA per un tempo troppo breve, la resina non sarà completamente pulita.

Se invece lo lasci agire per più di 15 minuti, l’IPA inizierà a rovinare la tua stampa polimerizzata, danneggiando il prodotto finale.

Questa rigidità nel tempo può essere sia un inconveniente che una minaccia per il successo del tuo prodotto finale.

2.Costo

Le risorse sprecate possono avere un impatto significativo sul costo di produzione finale, fino a un terzo dei costi di produzione di un modello. Ciò è particolarmente importante se operi all’interno di un ambiente/clinica con accesso numeroso di persone.

La più grande fonte di spreco nelle stazioni di pulizia “fai da te”, tende ad essere la quantità significativa di IPA necessario. Per garantire che ci sia un IPA sufficiente per coprire completamente le parti immerse, la quantità di IPA è generalmente di più di quella necessaria. Il costo è notevole quando stampi in grandi quantità.

3.Salute e sicurezza

I metodi fai-da-te possono portare problemi di salute e igiene.

Ad esempio, i bagni a ultrasuoni creano calore durante il processo di pulizia e l’IPA è altamente infiammabile: si crea quindi un potenziale rischio di incendio.

Altri problemi di sicurezza includono la fuoriuscita o il frequente contatto con resina e IPA. Sebbene i guanti e altre misure di sicurezza siano una pratica standard, l’esposizione all’IPA per lunghi periodi dovrebbe essere evitata il più possibile.

img3

Un altro fattore importante da tenere a mente quando si considera una tecnica fai da te sono gli standard igienici necessari richiesti dal tuo lavoro.

Fondamentale per il successo medico delle parti stampate è la biocompatibilità del materiale e la garanzia che il prodotto finito non induca citotossicità.

Tuttavia, le configurazioni fai-da-te e le loro stazioni improvvisate comportano il rischio di introdurre impurità nelle tue stampe, in ogni fase. Ciò potrebbe creare molti problemi lungo il flusso di lavoro, incluso un prodotto finale impreciso o uno che provochi una risposta infiammatoria nel paziente.

Ecco perchè utilizzare una stazione di lavaggio professionale

In breve, i metodi fai-da-te non riescono a fornire la sicurezza e la protezione igienica richieste nel settore dentale.

Una stazione di lavaggio professionale, invece, riduce la possibilità di citotossicità  e contaminazione,  garantendo standard igienici adeguati.

Un lavaggio professionale può rimuovere rapidamente la resina non polimerizzata e altre impurità senza danneggiare la superficie delle stampe, ottimizzando il flusso di lavoro per risultati più rapidi e sicuri.

Pronto per passare a una stazione di lavaggio professionale?

sprintray-pro-wash-dry

SprintRay Pro Wash/Dry è progettato specificamente per le esigenze del settore dentale. Se sei pronto per fare il passo successivo verso un flusso di lavoro completamente fluido, SprintRay Pro Wash/Dry offre il perfetto equilibrio tra facilità d’uso, velocità e potenza. Questo è davvero un sistema one-touch, impostalo e dimenticalo, facile da usare e di semplice manutenzione.

Contatta FeniQX per ulteriori informazioni su SprintRay Pro Wash/Dry